Nuovo derby del sud

Non dite ai tifosi di Salernitana e Benevento che il loro derby è di secondo piano rispetto a quello che si gioca in stadi più famosi. Le due tifoserie campane, oltre ad una dose di orgoglio innata in ogni tifoso del mondo, dopo il match di oggi pomeriggio ostenteranno la consapevolezza di essere i supporter di due squadre che, sebbene non siano abituate a tali palcoscenici, potranno essere un fattore determinante in questo campionato cadetto.
A vincere (2-1) è stata la Salernitana di Sannino che ha disputato una prima frazione di gioco con una intensità fuori dal comune. Come sua abitudine, l’allenatore di casa ha disposto il suo undici titolare con un 4-4-2 corto che in fase propositiva ha portato sul fronte offensivo ben quattro giocatori. Coda al centro dell’attacco con Improta sull’out di destra e Zito su quello mancino. A distribuire palloni e dettare in tempi Rosina che soprattutto sulla fascia sinistra ha sollecitato la catena completata dal Vitale, terzino molto propositivo e tecnicamente preparato. La mano di Sannino si è vista in maniera palese sia per la grinta sia per la fluidità del gioco, frutto di una costante applicazione dei suoi giocatori, attenti a rispettare le indicazioni dell’allenatore.
Il Benevento invece ha palesato diversi problemi in fase di impostazione grazie soprattutto al lavoro dei centrocampisti della Salernitana con il quale hanno arginato le giocate di Ciciretti e limitato le palle giocabili per Ceravolo che, nonostante ciò, ha dimostrato di saper presidiare l’area di rigore e di essere congeniale per le geometrie di un 4-2-3-1. Nel secondo tempo gli ospiti, con l’ingresso di una seconda punta (Cissè), hanno messo sotto la Salernitana che non solo si è difesa bene ma ha avuto anche la possibilità di andare sul 3-0. Purtroppo la bravura del portiere avversario e il palo hanno serrato la strada al Benevento che al triplice fischio finale ha subito la prima sconfitta della stagione. A gioire è stata senza dubbio la Salernitana ma a pensarci bene il match di oggi dovrebbe far sorridere e sperare tutti i tifosi del sud: due realtà di provincia, due squadre ben organizzate, due allenatori preparati e l’unico obiettivo di sorprendere.
Antonio Federico Miniaci

Annunci


Categorie:Analysis & Tactics

Tag:, ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: