Gli sceicchi Al-Thani nel mondo del calcio

Dopo aver approfondito la situazione italiana nell’ottica del fair play finanziario, sorge una domanda: che rapporto avranno i paperoni d’Europa con le stringenti regole della FIFA? Spagna, Francia ed Inghilterra, infatti, hanno visto i loro mercati invasi da numerosi e ricchissimi investitori dell’est, dal petroliere russo del Chelsea allo sceicco del PSG, fino ad arrivare alla sfortunata realtà del Malaga. L’invasione dei capitali arabi nel mondo dello sport, però, non è affatto recente ed ha origine nel 1993, quando fu “conquistato” il tennis, istituendo il primo trofeo internazionale in terra araba, il Dubai Tennis Championship, detenuto oggi da Roger Federer. Nel calcio dei ricchi, l’Inghilterra è sempre stata il feudo dei capitalisti stranieri, fra un potentissimo Roman Abramovich che, ad onor del vero, fu il primo imprenditore ad intravedere le potenzialità di guadagno nel mondo del calcio nel “lontano” 2003 ed il ricchissimo sceicco Mansour, il resto d’Europa non ha mai sperimentato l’arrivo di ricchi capitali stranieri fino a cinque anni fa. In tal senso, l’esperienza più significativa è quella della famiglia qatariota Al-Thani, i proprietari dell PSG e, fino a due anni fa, anche del Malaga.
Chi sono gli sceicchi della famiglia Al-Thani?
In Inghilterra la chiamano “la famiglia da 60 miliardi di sterline”, perché è più o meno questo il loro patrimonio stimato da Forbes. I membri della famiglia reale del Qatar hanno “tentacoli” ovunque: attraverso una holding chiamata Qatar Investment Authority, la famiglia di petrolieri detiene attualmente il 70% del PSG, il 17% della Volkswagen, il 5% della Ferrari e diverse partecipazioni in case cinematografiche di Hollywood. Il patrimonio societario, invece, ammonta a circa 140 miliardi di euro. Per spiegare quanto sia estesa questa dinastia, basti pensare che il capofamiglia, l’ex re del Qatar Hamad Bin Khalifa Al-Thani, conta tre mogli e ventiquattro figli, che, a loro volta, hanno una prole assai numerosa, con ogni componente della famiglia impegnato a gestire vari settori dell’economia, dalle armi allo sport. Rispettando infatti la tradizione millenaria dei mercanti arabi, l’intera famiglia ha deciso di muoversi con astuzia e furbizia sul mercato, garantendosi partecipazioni in quasi tutte le imprese di rilievo sul panorama internazionale.
Ed il fair play?
Domanda che si sono posti quasi tutti gli appassionati di calcio in Europa, è un problema affrontato anche nelle sedi della UEFA: nonostante l’introduzione dei regolamenti di fair play, le spese pazze degli sceicchi non accennano affatto a diminuire: basti pensare ai 300 milioni di euro spesi in 2 anni per il PSG o, addirittura, ai 2,2 miliardi di euro spesi da Abramovich per conquistare, dopo 10 anni di attesa, la tanto sognata Champions League , il titolo sportivo più ricco del mondo. Nel frattempo, la UEFA ha sanzionato solo il Malaga (per giunta dopo l’addio dello sceicco), mentre gli altri club europei hanno avuto solo una serie di ammonimenti. I soldi, infatti, giungono nelle casse del club attraverso un semplice meccanismo che elude la “guardia” del fair play: i club calcistici, infatti, stipulano contratti milionari di sponsorship con altre aziende riconducibili allo stesso proprietario, in modo da spostare capitali in modo perfettamente lecito. Con un metodo così ingegnoso, infatti, è stato più volte eluso il fair play in sede di mercato. Lo stesso non può dirsi per il pagamento degli stipendi milionari dei calciatori, che invece mandano in profondo rosso i conti dei club senza possibilità di appellarsi a sponsorizzazioni esterne.
Nel prossimo articolo approfondiremo i due casi esemplari, riconducibili proprio alla famiglia Al-Thani: Malaga e PSG, il flop ed il grande investimento.
Federico Norberto Quagliuolo

Annunci


Categorie:Report

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: