Il richiamo della gloria

Qual è il club più forte del mondo? Niente attira l’essere umano più della gloria, più dell’ essere riconosciuto come il migliore del mondo, soddisfazione avvertita, prima o poi, da tutti coloro che hanno la capacità di conseguire i massimi risultati.
Cenni storici
Nel 1960, all’interno del mondo calcistico, il quesito di preambolo a questo articolo divenne una vera ossessione per i due regni del calcio che più conta, ossia Europa e Sudamerica. In quell’anno il Real Madrid arrivò a conquistare la quinta coppa dei campioni consecutiva e il dominio della squadra del re di Spagna era indiscusso nel vecchio continente. Era abbastanza per dichiarare il Real come il team più forte dell’emisfero? Per superare questo dubbio, bisognava affrontare la squadra più forte oltre l’oceano Atlantico e batterla; allora sì che niente e nessuno avrebbe messo in discussione l’impero delle merengues. La CONMEBOL (la UEFA del sudamerica) decise di istituire una coppa dei campioni sudamericana che si sarebbe chiamata coppa Libertadores e la vincitrice di questa competizione avrebbe affrontato il Real in una doppia sfida giocata in Europa e Sudamerica, negli stadi delle due pretendenti alla corona: era la nascita della coppa intercontinentale. La prima edizione della coppa Libertadores fu vinta dagli uruguaiani del Peñarol che quindi si scontrarono contro l’invincibile Real. Non ci fu partita: se all’andata giocata a Montevideo il risultato finale fu un pareggio, al ritorno in quel di Madrid, il Real infilò nei primi 50 minuti 5 volte la rete avversaria. L’impero del Real Madrid di Di Stefano venne riconosciuto in tutto il mondo.
L’evoluzione
La coppa Intercontinentale fu soprattutto sentita tra le genti sudamericane che offrirono atmosfere infernali per i club europei che andavano a giocare nei loro stadi. Tuttavia negli anni settanta la competizione perse di entusiasmo soprattutto in Europa; non sono pochi i club vincitori della coppa dei campioni che si rifiutarono di prender parte alla coppa intercontinentale. L’entusiasmo fu riacceso nel 1980 dalla Toyota, gigante automobilistico del Giappone che vide l’opportunità di rianimare, agli occhi del mondo, il proprio marchio. Rilevati i diritti di commercializzazione della coppa intercontinentale, si decise di giocare il super match nelle terre che un tempo fecero da scenario alle imprese di valore dei samurai. I contro furono l’allontanamento dello spettacolo dai tifosi europei e sudamericani.
I giorni nostri
Nel frattempo il calcio è cambiato: il potere economico sempre maggiore dei paesi europei e l’abbattimento delle frontiere dell’emigrazione hanno favorito il fluire dei migliori talenti sudamericani verso l’Europa, così da rendere il calcio sudamericano inferiore per qualità e appeal a livello mondiale.
L’ultima svolta della competizione è avvenuta nel 2004, anno in cui è stata abolita la coppa intercontinentale e la FIFA decise di far nascere la coppa del mondo per club, che avrebbe visto affrontarsi le squadre più forti dei sei continenti.
La prossima edizione
Quest’anno si giocherà in Marocco, dove dopo diversi anni il Real cercherà di affermarsi come imperatore del calcio mondiale. In attesa della regina d’Asia, le altre squadre sono pronte a darsi battaglia. Il San Lorenzo, fresco della prima coppa libertadores della sua storia, non si tirerà indietro davanti ai colossi d’oro di Madrid, magari facendo uno sgambetto simile a quello che fece il Corinthians due anni fa contro il Chelsea. Mancano 40 giorni al via, previsto per il 10 Dicembre. La strada per la gloria porta a Marrakech, teatro della finale. Ma si sa, la gloria è affar di pochi, e se quei pochi si chiamano galacticos…
Matteo Fortuzzi

Annunci


Categorie:Storie

Tag:, , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: